Tea Tree Oil
Novembre 30, 2018
Show all

Prima di essere immesso sul mercato, un prodotto cosmetico deve essere definito sicuro, ovvero deve rispettare determinati requisiti chimico-fisici, microbiologici e tossicologici. La sicurezza microbiologica di tali prodotti è garantita tramite l’esecuzione di diversi test:

  • conta microbica totale;
  • challenge test;
  • assenza patogeni;
  • conta lieviti e muffe.

Il challenge test è una procedura atta a riprodurre in laboratorio l’aggressione microbica che un prodotto può subire, non solo durante la sua fabbricazione e stoccaggio, ma soprattutto durante il periodo di utilizzo da parte del consumatore e serve per valutare l’efficacia del sistema conservante.

Consiste nella somministrazione di specifici microrganismi in un prodotto cosmetico e la successiva valutazione della variazione di carica microbica ad intervalli di tempo regolari per un periodo di 28 giorni.

Le fasi si dividono in:

  • Preparazione dei microrganismi per l’inoculo
  • Conta microbica preliminare sui campioni da esaminare
  • Inoculo dei campioni
  • Controlli ad intervalli prestabiliti della sopravvivenza dei microrganismi
  • Valutazione dei risultati

L’interpretazione dei risultati può generare 3 situazioni:

  • Conformità al criterio A: il rischio microbiologico è accettabile e il prodotto cosmetico è considerato sicuro;
  • Conformità al criterio B: il rischio microbiologico è accettabile, ma la valutazione del rischio microbiologico dovrà prendere in considerazione anche i fattori di controllo indipendenti dalla formulazione;
  • Non conformità: il sistema conservante non è idoneo a preservare il prodotto cosmetico analizzato.

Lascia un commento