Ti sei mai fermato a leggere l’INCI?
Novembre 15, 2017
Le proprietà del Riso Integrale
Aprile 23, 2018
Show all

L’esperienza dell’allattamento è un incontro speciale tra la mamma e il suo bambino.  Per far sì che sia un momento piacevole per entrambi, occorre prevenire situazioni sgradevoli. L’allattamento non dovrebbe far male, ma può capitare che la neomamma possa sentire fastidi e dolori. Nelle prime settimane è normale sentire qualche tensione o indolenzimento al capezzolo. Se la situazione persiste però, è necessario qualche aggiustamento.

Uno dei principali problemi che spinge la donna a smettere di allattare è l’insorgenza delle ragadi al seno. Si tratta di piccole ferite che si creano quando il capezzolo viene sfregato tra palato e lingua del bambino mentre quest’ultimo succhia. Sono dovute a uno scorretto attaccamento del neonato al seno materno, che genera appunto delle lacerazioni sia sul capezzolo che sull’areola mammaria.

Per affrontare questo disturbo, è essenziale una corretta igiene quotidiana, evitando però l’utilizzo di saponi o altri detergenti troppo aggressivi. Il processo di guarigione si può rendere più rapido ricorrendo a creme cicatrizzanti che rispettano il benessere di mamma e bambino.

La Crema Ragadi Seno Biolenirice è una crema specifica a base di Riso Integrale Germogliato, con azione lenitiva e protettiva sull’areola e sul capezzolo. È un dispositivo medico, dermatologicamente testato, formulato con conservanti alimentari e senza profumo che la rendono compatibile con l’allattamento al seno. L’olio di Cocco e quello di Mandorle dolci spremuti a freddo aiutano a lenire e proteggere la pelle dai fastidiosi sintomi durante l’allattamento. È un valido aiuto per restituire la normale idratazione della pelle in un periodo stressante per la pelle della mamma.

Dopo aver allattato, occorre detergere il capezzolo e la zona circostante. La Crema Ragadi va applicata su tutto il capezzolo con un leggero massaggio, anche più volte al giorno.

Lascia un commento