La ricerca del benessere
giugno 26, 2018
Il Nichel
settembre 25, 2018
Show all

La dermatite da pannolino è una forma di infiammazione della pelle, caratterizzata da un insieme di macchie di color rosso acceso a livello delle natiche e dei genitali (a volte limitata a qualche chiazza in uno o più punti, oppure estesa interessando anche tutti i glutei), che può creare bruciore e fastidio.

Conosciuta anche come eritema da pannolino o irritazione da pannolino, è un disturbo che, soprattutto al primo episodio, è fonte di preoccupazione per la mamma, ma che in realtà è facilmente e rapidamente trattabile. Salvo casi di infezioni batteriche o fungine, la guarigione avviene in pochi giorni mettendo in atto alcuni semplici accorgimenti.

Questa forma di dermatite può insorgere per svariate ragioni, anche sovrapposte tra loro. È molto comune la sua comparsa all’inizio dello svezzamento, nonché durante terapie antibiotiche in grado di alterare la normale flora batterica intestinale del bimbo. Ad aggravare la situazione possono aggiungersi la sudorazione nell’area del sederino e dei genitali, il contatto prolungato con feci e urine, i residui di detergenti e i prodotti applicati sulla pelle.

Le principali cause sono quindi:

  • ristagno di feci e urine all’interno del pannolino;
  • infezione da parte di un fungo che prolifera facilmente in ambienti caldo-umidi;
  • sfregamento ripetuto con il pannolino;
  • allergia da contatto;
  • variazioni nell’alimentazione.

Nel caso in cui la dermatite da pannolino non sia associata a particolari tipi di infezione,  è sufficiente prendere i seguenti accorgimenti:

  • cambiare spesso il pannolino;
  • mantenere asciutta e pulita la zona arrossata;
  • tenere il bimbo il più a lungo possibile senza pannolino.

Lascia un commento